E’ il sogno di ogni donna quello di avere sempre delle unghie perfette e impeccabili. Lo smalto semipermanente è la soluzione. Ecco cosa bisogna sapere

A quante sarà capitato di ingegnarsi per applicare lo smalto alla perfezione e scoprire con rammarico che, appena il giorno dopo, il suddetto si è sbeccato, è divenuto opaco o che una delle più improbabili calamità si è abbattuta su di lui e ha rovinato il faticoso lavoro?

smalto-semipermante-1

Siccome la risposta a questa domanda retorica è banalmente “a tutte”, non perdiamoci d’animo. Esiste lo smalto semipermanente. Dura a lungo e permette di avere una manicure davvero impeccabile. Entriamo nel dettaglio.

Non è necessario recarsi da un’estetista esperta per l’applicazione, cercando di destreggiarsi tra i mille impegni di un’affollata giornata. Lo smalto semipermanente si può applicare anche comodamente a casa propria, solo avendo la premura di procurarsi gli strumenti giusti. L’effetto è quello di un gel, non rovina l’unghia e dura a lungo, dalle 2 alle 3 settimane, solitamente un’utopia. Si stende come uno smalto normale dopo l’applicazione della base protettiva, ma a differenza degli smalti classici bisogna inserire la mano in una lampada UV, per farlo asciugare. Si consiglia di ripetere l’applicazione una seconda/terza a seconda della texture, formulazione e pigmentazione del prodotto. Infine è necessario applicare un top coat che renderà lo smalto ancora più lucido. La lampada solleverà dall’onere di dover aspettare che lo smalto si asciughi.

smalto-semipermante-2

La rimozione prevede un’operazione un po’ più complicata, ma non temete. Bisogna solo stare attenti a non rovinare l’unghia e ad aver cura di rimuovere del tutto lo smalto. Bisogna procurarsi un solvente specifico per rimuovere il semipermante, dei dischetti di cotone e della carta stagnola. Su ogni unghia si appoggia il dischetto di cotone imbevuto di solvente, sul quale viene arrotolata la carta stagnola: è necessario rimanere in questa posizione per 15 minuti. Trascorso il tempo previsto si può rimuovere la stagnola e il cotone con una leggera pressione: lo smalto si sarà ammorbidito e con l’aiuto di un bastoncino di arancio si riuscirà a rimuoverlo del tutto con facilità. Con l’aiuto di un buffer la superficie dell’unghia va omogeneizzata, stendendo poi una base nutriente.

smalto-semipermante-3

Share.

About Author

Il nostro team è composto da professionisti del mondo della comunicazione e dell'informazione che lavorano insieme ogni giorno per trovare notizie, approfondimenti e novità sempre aggiornate e interessanti.

Leave A Reply