Lo zucchero bianco fa male? In questo articolo mi focalizzerò su un altro “veleno bianco”, ovvero il comune zucchero bianco o saccarosio, spiegandovi perché fa male e quali sono le alternative in commercio

Lo zucchero è così candido in virtù di numerosissimi processi di lavorazione e raffinazione a cui viene sottoposto: viene depurato con calce, trattato con anidride carbonica, acido solforoso, cotto, raffreddato, cristallizzato, centrifugato, filtrato, decolorato con carbone animale e colorato con coloranti (alcuni dei quali derivanti da catrame e cancerogeni!).

Lo zucchero bianco fa male, ecco i suoi effetti nocivi

Oltre ad essere il nemico numero uno della linea, lo zucchero bianco fa male anche per la salute e il benessere generale dell’organismo. Ecco i principali disturbi che produce:

  1. Produce gas intestinali

    Lo zucchero bianco produce gas intestinali che, oltre a regalarci un ventre gonfio e duro, possono dare luogo anche a stipsi o, al contrario,  a dissenteria.

  2. Sottrae vitamine e sali minerali

    Per poter essere assimilato lo zucchero “ruba” al nostro corpo vitamine e sali minerali importanti come il calcio, tanto che le conseguenze sono l’indebolimento dello scheletro, dei denti, la comparsa di artrite, artrosi e osteoporosi e della ovvia carie dentarie.

  3. Provoca aumento di peso

    Lo zucchero bianco distrugge anche le vitamine del gruppo B, provoca aumento di peso e una maggiore predisposizione a malattie metaboliche gravi come il diabete.

  4. Agisce sul sistema nervoso e sul metabolismo

    Il saccarosio agisce sul sistema nervoso e sul metabolismo, dando dei picchi di stimolazione e delle conseguenti ricadute vertiginose con relativi stati di irritabilità, euforia e continuo bisogno di ingestione di altre quantità di zucchero creando così una forma di dipendenza.

Certo, pensare di rinunciare al sapore dolce non è facile. L’idea di bere un caffè o un tè amaro o di non concedersi nemmeno una fetta di torta a colazione non è proprio un pensiero allettante! Ma per fortuna, come nel caso del latte vaccino, anche per lo zucchero bianco ci sono numerose e ottime alternative per non rinunciare al dolce della vita senza mettere a rischio linea e salute!

Dolci alternative allo zucchero bianco

      1. MIELE

        Il miele è un prodotto ottimo (ma non adatto ai vegan) contiene maltosio, saccarosio, glucosio, fruttosio e destrosio e costituisce un perfetto energetico naturale

      2. SCIROPPO D’ACERO

        Una buona alternativa è rappresentata dallo sciroppo d’acero, contenente saccarosio, potassio, vitamine del gruppoB e calcio. E’ prodotto dalla linfa estratta da una pianta, l’acero appunto. Risulta avere un sapore molto dolce ed è adatto per la preparazione di dolci e per dolcificare bevande.

      3. SUCCO D’AGAVE

        Il succo d’agave (linfa della pianta d’agave) è ricchissimo di sali minerali ed oligominerali e con un tasso glicemico inferiore allo zucchero bianco.

      4. SUCCO D’UVA

        Il succo d’uva deriva dalla bollitura e spremitura di uve alla quale si aggiungono chiodi di garofano, cannella e limone. Contiene fruttosio. Ha un sapore molto caratteristico.

      5. STEVIA

        La stevia è una pianta proveniente dal sud America, ha un’elevata presenza di saccarosio. Il suo potere dolcificante è molto alto e ha anche un forte e caratteristico retrogusto di liquirizia.

      6. ZUCCHERO DI COCCO

        Nella nuova frontiera dei dolcificanti naturali un posto d’onore occupa sicuramente lo zucchero di cocco, realizzato dai fiori della palma. Non si tratta della palma da cui si estrae il tanto discusso olio ma dei fiori della palma da cocco (cocos nucifera) che viene coltivata in maniera non intensiva a Bali. Il prodotto che si ricava è uno zucchero dal sapore intenso e fruttato con ridotto contenuto di saccarosio e che racchiude tante sostanze nutrizionali importanti per il nostro organismo come potassio e zinco.

      7. MALTO D’ORZO, SCIROPPO DI RISO, SCIROPPO DI MAIS

        Il malto d’orzo, lo sciroppo di riso o lo sciroppo di mais si ottengono dalla germinazione dei cereali. Tutti hanno un alto contenuto in maltosio e contengono amminoacidi, potassio, sodio e magnesio, essenziali all’organismo.

Ora sta a noi scegliere come rendere ogni giorno un po’ più dolce la nostra vita, mantenendoci sempre in salute e in forma!

Share.

About Author

Nata nel 1984, laureata e dottorata in Filosofia Politica presso l'Università di Genova. Attualmente vivo a Milano, città che amo e nella cui "confusione logica" mi rispecchio. Scrivo saggi di Filosofia Politica in chiave "pop". Tra le mie passioni, oltre a scrivere, primeggiano il cinema ed il fitness. Il mio mantra è "mens sana in corpore sano".

Leave A Reply